Blog

Let’s talk about percussion, drums and teaching!

Come si suona il tamburo – I primi esercizi

First exercises for snare drum

Bene, hai tutto quello che ti serve per iniziare a suonare, sai come posizionarti davanti al tamburo (o pad) e hai imparato a tenere in mano le bacchette. Ora non ti resta che iniziare a suonare, che è esattamente quello che farai in quest’ultima delle quattro lezioni introduttive agli strumenti a percussione.

In questo video infatti imparerai:

  • i primi movimenti per abituarsi a far rimbalzare correttamente le bacchette;
  • un sistema di conteggio vocale che ti servirà anche in futuro per avvicinarti alla scrittura musicale;
  • una routine quotidiana di allenamento da utilizzare almeno durante la prima settimana di studio.

Prima di cominciare vorrei ricordarti che la lezione di oggi, insieme naturalmente a quella sulla postura e al grip è di fondamentale importanza per lo sviluppo futuro di un approccio corretto e naturale agli strumenti a percussione.

Un musicista molto più saggio di me, Ed Soph, nel suo video “The Drum Set, a Musical Approach”, dice:

Il tuo suono dipende da come ti muovi.

Ricordatelo.

 

IL RIMBALZO

Immagina un giocatore di basket che fa rimbalzare la palla sul pavimento. Che succede? Succede che il giocatore accompagna il movimento di ritorno della palla, ne asseconda i rimbalzi successivi e la ferma solo quando è necessario. Lo stesso principio vale per la bacchetta che rimbalza sul tamburo.

Come ti spiego nel video, per imparare correttamente questo movimento di base, procedi in questo modo:

  • focalizzati su una mano per volta, posa pure la bacchetta che non utilizzi;
  • parti da una posizione della bacchetta perpendicolare alla pelle del tamburo;
  • attraverso il movimento del polso fai rimbalzare la bacchetta sulla pelle e torna al punto di partenza;
  • tieni le dita rilassate in modo che non stringano troppo la bacchetta. Braccio e spalla non intervengono per ora nel movimento e rimangono in una posizione naturale, rilassati;
  • cerca di rendere fluido il movimento “su-giù”, provando a non fermare la bacchetta in aria, quasi appunto come se stessi facendo rimbalzare una palla da basket. Ogni volta che interrompi la fluidità del movimento crei della tensione muscolare che si ripercuote anche sul suono;
  • evita assolutamente movimenti inutili, come “caricare” il colpo prima del rimbalzo, alzando la bacchetta. Se torni al punto di partenza, per ora, non servirà “caricare” nessun colpo.

Bene, ora che hai “sentito” attraverso questa esperienza che grande regalo fa madre natura ai percussionisti. Il rimbalzo per l’appunto.

ESERCIZIO #1

Accendi il metronomo, velocità 60 bpm (battiti al minuto), cioè la velocità dei secondi:

  • Comincia a contare “One, Two, Three, Four” sincronizando la tua voce sui battiti del metronomo. Sforzati di contare in inglese anche se la tua pronuncia non è perfetta perché scoprirai che questo sistema “anglosassone” sarà molto utile anche per quello che andrai a fare tra poco.
  • Ora concentrandoti su una mano alla volta e sempre contando ad alta voce, comincia a sincronizzare il movimento base di cui abbiamo parlato poco fa con i beats del metronomo. Ogni volta che arrivi al “Four” ricomincia a contare da “One” senza smettere di suonare. Fallo per almeno due minuti, poi cambia mano.

ESERCIZIO #2

  • Finito questo esercizio, andrai a produrre due battiti per ogni beat, sempre una mano alla volta, contando in questo modo: One-and Two-and Three-and Four-and, questa volta facendo corrispondere un colpo per ogni numero e un altro colpo per ogni “and”.

Anche per questo esercizio impiega due minuti per mano. Noterai già da adesso che è più difficile andare a tempo e fare un bel movimento con la mano debole. È normale.

ESERCIZIO #3

  • Per finire produciamo a mani alternate quattro colpi per ogni beat, utilizzando questo conteggio: One-e-and-ah Two-e-and-ah Three-e-and-ah Four-e-and-ah.

Come avrai notato, con questo esercizio la mano con cui inizi sarà sempre sincronizzata sui numeri veri e propri (One, Two, Three, Four) e le quattro “and” mentre l’altra mano cadrà sulle sillabe “e” e “ah”.

Ok… piano, ci sono troppe sillabe senza senso nella mia frase precedente, rileggi con calma!

  • Dopo due-tre minuti ricomincia con l’altra mano. Fai attenzione a mantenere la fluidità nei movimenti perché in questo terzo esercizio tenderai sicuramente a fermare il rimbalzo delle bacchette dovendo concentrarti su due mani e non più solo su una.

 

LA ROUTINE QUOTIDIANA PER LA PRIMA SETTIMANA

Practice time for percussionists

Bene, hai imparato a muovere le mani correttamente, ora dobbiamo fare in modo che questa impostazione sia impressa nella memoria del tuo corpo, così da non doverci pensare ogni volta che suoni.

L’unico modo per insegnare al nostro corpo dei movimenti corretti per la pratica musicale è… la pratica, appunto. E la pratica necessita di tempo, dedizione e impegno (vedi la prima lezione di questa serie, dove parlavo di motivazione). Ogni obiettivo che ti darai sarà raggiunto solo se saprai gestire queste tre componenti.

Dunque, poiché l’obiettivo di questa lezione richiede almeno una settimana di pratica, ecco come ti consiglio di esercitarti per questi 7 giorni. E sì, nello studio di uno strumento musicale la domenica NON è considerato giorno festivo.

Il lavoro che ti richiedo non ti occuperà per più di 30 minuti al giorno, in due sessioni di 15 minuti distanziate di almeno un’ora l’una dall’altra.Fifteen minutes practice for percussionists In ogni “sessione di allenamento” lavora sui tre esercizi che abbiamo visto poco fa, cercando di mantenere la sincronia tra movimenti, metronomo e conteggio vocale.

Usa un timer e per quei 15 minuti cerca di concentrarti solo su quello che fai, silenzia il cellulare, spegni il computer, facebook etc. Utilizza il mio video o la lezione solo se hai bisogno di andare a rivedere i movimenti corretti. Saranno 15 minuti dedicati solo alla musica, e quindi a te stesso. Il resto potrà aspettare.

Dopo una settimana di questa routine il tuo corpo dovrebbe avere ormai memorizzato l’impostazione corretta per suonare. Se hai la possibilità di essere seguito da un insegnante, assicurati che questo controlli la tua impostazione.

Apprendere una brutta abitudine ora potrebbe rovinare gran parte del lavoro che farai dopo.

 

FINE DELLA MINI SERIE

Con questo video finisce la mini serie di quattro lezioni dedicate a chi vuole cominciare a suonare gli strumenti a percussione. Ancora una volta ti lascio con una domanda finale alla quale ti chiedo di rispondere nei commenti. Ciao!

Domanda: hai mai pensato all’importanza dell’impostazione iniziale di un “bel gesto” per suonare le percussioni? Lascia un tuo commento.

PARTE 1 - QUATTRO COSE DA AVERE

PARTE 2 - POSTURA

PARTE 3 - GRIP

Did you enjoy this article?
Download this FREE Report
Enter your email to join my newsletter and dowload the FREE report "9 Essential Tips for Percussionists", a short collection of advices for your career as professional percussionist